Gli Illuminati di Baviera
Esoterico , Storico / 29 aprile 2015

Recensione: Gli Illuminati di Baviera di Augustin Barruel. 1776, Ingolstadt. Nella cattolicissima Baviera, Adam Weishaupt fonda l’ordine segreto degli Illuminati di Baviera. Pochi anni dopo esce “Storia del giacobinismo”, un trattato su più volumi dell’abate Augustin Barruel. Qui l’autore traccia una linea storica che ricongiunge i Templari ai Catari, per arrivare ai Massoni Giacobini. Analizzando le logge dell’epoca ne illustra i vari ordini iniziatici, gli apparati simbolici e ideologici. Secondo Barruel il fine ultimo di queste logge massoniche sta nell’abbattimento del Cristianesimo, di ogni forma di autoritarismo monarchico e nell’utopica filosofia di un unico governo mondiale. In relazione a questi ultimi obiettivi Gli Illuminati di Baviera ricoprono un ruolo fondamentale. L’idea di Adam Weishaupt, noto nei documenti con il nome in codice di Spartaco, è quella di esautorare del loro potere sovrani e stati, fondando i suoi programmi su una concezione filosofica materialista, che mira alla costituzione di una società di tipo comunista (lo stesso Marx riadatterà il codice scritto da Weishaupt ne “Il Capitale”). Nel libro Gli Illuminati di Baviera Barruel ci propone un’accurata descrizione delle concezioni filosofiche e del sistema operativo di questa setta. In diciotto capitoli l’autore illustra l’origine e la struttura degli Illuminati attraverso il percorso di…

Condividi se ti piace questo libro!

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS

Cime Tempestose
Classici , Romanzo / 29 aprile 2015

Recensione di Cime Tempestose di Emily Brontë All’età di 29 anni Emily Brontë diede alla luce il suo primo e ultimo romanzo,Wuthering Heights, considerato uno dei capolavori della letteratura femminile vittoriana. Essere una donna durante la metà dell’Ottocento non era cosa facile e anche se in questo periodo iniziarono le prime mosse verso l’emancipazione femminile, molte autrici preferivano firmare i propri scritti con pseudonimi maschili (il caso più eclatante fu quello di Marian Evans, alias George Eliot) e così fecero anche le tre sorelle Brontë (Emily, Charlotte e Anne) nelle loro pubblicazioni giovanili. Nonostante che al trono d’Inghilterra sedesse una Regina dalla politica aggressiva, la condizione della donna era ancora legata al modello di “angel of the house”, privata del diritto al voto e derisa se interessata a questioni politiche o filosofiche. Cime Tempestose, oltre che parlare della difficile e turbolenta storia d’amore tra Catherine e Heathcliff, è anche un riassunto perfetto della situazione del popolo femminile dell’Ottocento e coglie certi aspetti terribili che pesavano sulla sorte di una donna sposata (ad esempio il fatto che una giovane legata ad un uomo attraverso il vincolo del matrimonio, non possedeva più nulla, perchè tutto andava nelle mani del consorte). La trama del…

Condividi se ti piace questo libro!

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS

Il Silmarillion
Fantasy / 29 aprile 2015

Recensione:  Il Silmarillion di J.R.R. Tolkien Ho procrastinato la stesura dei miei pensieri sul Silmarillion per troppo tempo. L’idea di parlarne mi era venuta già a febbraio, e mi dissi che per luglio dovevo aver finito. In realtà al 31 luglio non avevo scritto una sola parola al riguardo, e la bozza Silmarillion conteneva solo il nome dell’opera. Parlare di questo libro è avvilente, come lo è per tutti i grandissimi romanzi, come lo è per Ulisse, come lo è per Don Chisciotte, come lo è per Guerra e Pace. Bisognerebbe leggerlo e basta. Perché, non mi vergogno a dirlo, quest’opera è, al pari di Ulisse, una delle più straordinarie del Novecento, perché della letteratura novecentesca e dell’Ulisse rappresenta l’antitesi totale. Perché il novecento, lo sapete tutti, ha cercato in ogni modo di eliminare le convinzioni, le certezze e le verità della vita umana, per dirci che siamo qui, non sappiamo perché e il perché non c’è ne c’è mai stato. E in mezzo a tutto questo un filologo che viveva in Sudafrica ed era follemente innamorato dell’Inghilterra, dell’Europa, delle Lingue e delle mitologie, trascorse la sua esistenza ad ideare un universo in cui quelle verità stavano ancora tutte in piedi….

Condividi se ti piace questo libro!

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS

Non Lavate Questo Sangue
Saggi , Storico / 29 aprile 2015

Non Lavate Questo Sangue di Concita de Gregorio Questo piccolo ma molto intenso saggio racconta dei tremendi fatti accaduti a Genova nel Luglio 2001. E già qui, a parer mio, la recensione di questo libro potrebbe concludersi, perché la frase qui sopra racchiude l’unico vero importante motivo che dovrebbe portare noi tutti a ripercorrere quei giorni così funesti per l’Italia tutta. L’unica cosa che manca a questo piccolo capolavoro di diario, purtroppo, è l’esito del processo penale che ha visto condannare gli agenti ed i funzionari che a quegli scontri parteciparono attivamente, cagionando ferite insanabili in danno a vittime innocenti che solo avevano avuto la sfortuna di dimorare presso la scuola DIAZ quella notte. Ma, nonostante tutto, la cronaca di quest’Italia va letta comunque, nelle poche pagine di racconto giornaliero di quei giorni di guerriglia urbana che misero a ferro e fuoco un’intera città, e che crearono una frattura insanabile tra i cittadini italiani e le forze dell’ordine. Non lavate questo sangue, per chi non lo sapesse, è la scritta che venne fatta con il sangue, appunto, di una vittima della scuola DIAZ sul muro della palestra la notte che l’istituto venne sgomberato dalla polizia, e da allora questo funesto…

Condividi se ti piace questo libro!

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS

Guida Tascabile agli Additivi Alimentari!
Alimentazione / 29 aprile 2015

La verità su coloranti, E 621, E 951 & Co. Iniziamo dall’autrice, Corinne Gouget, che da undici anni si occupa degli effetti tossici degli additivi sulla salute. La sua comoda e pratica guida è davvero un piccolo tesoro da tenere nel taschino quando si va a fare la spesa! Infatti, spesso, le etichette dei prodotti alimentari, invece di recare il nome effettivo di coloranti, conservanti, aromi, addensanti, educoloranti, stabilizzanti e aromatizzanti, presentano solo un elenco infinito di sigle indecifrabili di cui non si conosce il significato. Lo scopo di questo libro è, appunto, quello di svelare il vero significato di tali sigle, indicandone la provenienza (se sono di origine naturale o chimica), il grado di pericolosità e gli eventuali disturbi o patologie che possono provocare e l’aggiornamento delle ricerche scientifiche sui danni causati alla nostra salute. Una delle problematiche che incorrono quando si parla di additivi alimentari, è il fatto che molti di essi si trovano nei prodotti più comuni e tipici della nostra cultura, a partire dalla carne in scatola (Simmenthal o Manzotin), nelle merendine e nelle caramelle per bambini, nelle bibite gassate (solo recentemente la Cocacola e la Pepsi hanno dovuto sostituire il colorante E 150d, dopo anni…

Condividi se ti piace questo libro!

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS