Cime Tempestose
Classici , Romanzo / 29 aprile 2015

Recensione di Cime Tempestose di Emily Brontë All’età di 29 anni Emily Brontë diede alla luce il suo primo e ultimo romanzo,Wuthering Heights, considerato uno dei capolavori della letteratura femminile vittoriana. Essere una donna durante la metà dell’Ottocento non era cosa facile e anche se in questo periodo iniziarono le prime mosse verso l’emancipazione femminile, molte autrici preferivano firmare i propri scritti con pseudonimi maschili (il caso più eclatante fu quello di Marian Evans, alias George Eliot) e così fecero anche le tre sorelle Brontë (Emily, Charlotte e Anne) nelle loro pubblicazioni giovanili. Nonostante che al trono d’Inghilterra sedesse una Regina dalla politica aggressiva, la condizione della donna era ancora legata al modello di “angel of the house”, privata del diritto al voto e derisa se interessata a questioni politiche o filosofiche. Cime Tempestose, oltre che parlare della difficile e turbolenta storia d’amore tra Catherine e Heathcliff, è anche un riassunto perfetto della situazione del popolo femminile dell’Ottocento e coglie certi aspetti terribili che pesavano sulla sorte di una donna sposata (ad esempio il fatto che una giovane legata ad un uomo attraverso il vincolo del matrimonio, non possedeva più nulla, perchè tutto andava nelle mani del consorte). La trama del…

Condividi se ti piace questo libro!

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS